ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent

Modulo Covid

Nuovo Coronavirus e Viaggi - FAQ

#1. Cosa succede se il viaggio viene cancellato a causa della pandemia?

Qualunque sia l’anticipo con il quale il viaggio dovesse venire cancellato, faremo del nostro meglio per far sì che neanche un centesimo venga perso.

In caso di cancellazione del viaggio, causa pandemia:

  • Per i voli aerei otterremo un voucher da poter utilizzare nella successiva riprogrammazione del viaggio o in alternativa, se possibile, un rimborso da parte della compagnia aerea.  
  • Per le strutture e i fornitori di attività ed escursioni otterremo un rimborso totale della prenotazione. Solo in alcuni casi eccezionali, il rimborso previsto avverrà sotto forma di voucher da utilizzare nuovamente presso la stessa struttura o per la stessa attività.

La Fee Onivà verrà trattenuta come credito per un futuro viaggio con Onivà.

#2. Cosa succede se non sono più sicuro di partire e cambio idea?

Ecco lo scenario in caso di annullamento da parte del viaggiatore:

Tra i 60 e i 30 giorni dalla data di partenza: rimborso delle prenotazioni con cancellazione gratuita(*). La Fee Onivà già versata verrà tramutata in credito fee da poter riutilizzare per un viaggio futuro;
(*al netto di un’eventuale perdita dovuto al cambio valuta)

Entro 30 giorni dalla data di partenza: si applicano le penali di cancellazione delle singole prenotazioni. La Fee Onivà già versata verrà tramutata in credito fee da poter riutilizzare per un viaggio futuro;

In ogni caso, cercheremo sempre di prenotare strutture e attività che permettano cancellazioni gratuite ed eccezioni in casi particolari.

N.B. Per le prenotazioni dei voli aerei si applicano le policy previste dalle compagnie aeree. In questi casi tutte le compagnie aeree hanno adeguato i loro termini di cancellazione per permettere a tutti i viaggiatori di poter riutilizzare i loro biglietti.
In caso di annullamento volontario da parte del viaggiatore le compagnie prevedono una delle seguenti opzioni:

  • rimborso totale del biglietto
  • credito di viaggio da utilizzare nuovamente con la compagnia aerea

#3. Che succede se prima della partenza risulto positivo al Covid-19 e non posso partire?

Nel caso in cui, a ridosso della partenza, il viaggiatore dovesse risultare positivo al Covid, potremmo ottenere la maggior parte dei rimborsi grazie all’assicurazione di viaggio con polizza speciale Covid-19, se stipulata prima del contagio.

Nel caso in cui il viaggiatore non volesse stipulare l’assicurazione, purtroppo si applicheranno le penali di cancellazione delle singole prenotazioni.

I rimborsi ottenuti e la Fee Onivà potranno essere riutilizzati come credito per un altro viaggio futuro organizzato con Onivà.

#4. L'assicurazione di viaggio Covid-19 cosa rimborsa?

La polizza assicurativa, sanitaria e per la cancellazione del viaggio con polizza speciale Covid-19, prevede il rimborso delle spese sostenute per il viaggio in caso di infortunio in viaggio o  in caso impossibilità a partire a causa di malattia (inclusa la positività al virus Covid-19) del/dei contraente/ti della polizza o di un suo parente molto stretto.

Una variante più completa dell’assicurazione copre anche in caso di impossibilità a partire a causa di auto-isolamento fiduciario.

Il rimborso delle spese sanitarie sostenute è previsto anche nel caso in cui ci fosse un eventuale contagio durante il viaggio.

#5. Cosa è il passaporto vaccinale e come funziona?

Il passaporto vaccinale è una sorta di libretto sanitario in cui si evince l’avvenuto vaccino anti Covid-19. Permetterà probabilmente di viaggiare con più serenità e sicurezza, ma al momento, la questione è in divenire. Monitoriamo costantemente anche questo probabile provvedimento e, non appena il tutto sarà definito, vi assisteremo anche sotto questo aspetto.