ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent

Onivà Cinema – Bahamas 🎥✨🇧🇸

Me ne vado alle Bahamas”. Quante volte abbiamo pronunciato questa frase quando abbiamo sentito il bisogno di staccare dalla quotidianità e prenderci qualche giorno di relax?

Ma quanti sanno che le Bahamas hanno prestato le loro sabbie bianchissime e le loro acque cristalline come ambientazioni cinematografiche?
Scopriamo insieme alcuni dei luoghi più spettacolari di questo arcipelago e come sono stati utilizzati da registi di film d’ogni genere per far da sfondo alle proprie opere… andiamo!

ONE AND ONLY OCEAN CLUB (PARADISE ISLAND) 
Per gli affezionati a James Bond, le Bahamas rappresentano una destinazione speciale. Questo arcipelago di isole sparse nell’Oceano Atlantico, a Est della Florida, ospita, infatti, il One and Only Ocean Club, un resort che ha fatto la sua non troppo umile comparsa nel film “Casino Royale” (2006).
Numerose scene con protagonista Daniel Craig sono state girate sia all’interno che all’esterno del Club, contribuendo a rendere anche dal punto di vista cinematografico l’eleganza quasi sfrenata del luogo.
Come dimenticare, ad esempio, quando Bond arriva sul posto a bordo della sua automobile grigia, dopo aver sfrecciato tra le palme? E che dire, invece, delle sequenze girate nella luminosa hall dell’albergo?
Se amate il lusso, questo è il posto che fa per voi.

 

CABBAGE BEACH (NASSAU, NEW PROVIDENCE ISLAND) & ROSE ISLAND ✨
Siamo nel 1965 e, già da qualche anno, quattro ragazzi di Liverpool hanno iniziato a fare concerti un po’ ovunque nel mondo. Portano una pettinatura particolare, hanno una grandiosa abilità nel fare musica e stregano chiunque con il loro atteggiamento allegro e spensierato nonostante la loro sempre più crescente popolarità.
A chi ci riferiamo lo avrete già capito leggendo la prima riga, ma è comunque doveroso fare il loro nome, magari usando i toni tipici dei conduttori televisivi inglesi e americani degli anni ‘60: “Ladies and gentlemen, The Beatles!”.
Ma cosa succede di preciso nel 1965 e perché i Fab Four rientrano in un itinerario cinematografico? Semplice! Il 1965 fu l’anno in cui i Beatles furono coinvolti nelle riprese del loro secondo film, “Help!”, alcune delle quali si svolsero proprio alle Bahamas.
Di preciso, John, Paul, George e Ringo girarono a Cabbage Beach, nei dintorni di Nassau, e nella piccola Rose Island.
Pronti a ripercorrere la loro avventura? Musica in cuffia e partite anche voi alla volta di questi splendidi panorami!

 

ALICE TOWN (NORTH BIMINI ISLAND) ✨
Anni dopo esser stato concepito dalla penna di Thomas Harris, il Dottor Hannibal Lecter è un personaggio che continua a terrorizzare centinaia di persone.
Nel corso del tempo, questo sinistro soggetto è stato interpretato al cinema da vari attori, ma uno più di tutti ha saputo realizzare una performance indimenticabile, incrementando così il fascino di questa terribile figura: Anthony Hopkins.
In particolare, quest’ultimo vestì i panni del serial killer antropofago ne “Il Silenzio degli Innocenti”, pellicola del 1991 diretta da Jonathan Demme.
Se avete visto il film, ricorderete anche la celebre battuta “I’m having an old friend for dinner”, pronunciata da Hannibal in chiusura, mentre è al telefono con l’agente dell’FBI Clarice. In questa scena, il personaggio, evaso poco tempo prima dal manicomio criminale di Baltimora, si trova a Alice Town, una città sull’isola di North Bimini, alle Bahamas.
Consigliarvi di visitare questo posto dopo avervi parlato del Dottor Lecter non è semplicissimo, ma vi assicuriamo che ne vale la pena… dopotutto, Hannibal è un serial killer immaginario, no?

 

NARI-NARI REEF (NASSAU, NEW PROVIDENCE ISLAND) 
Sappiamo bene che, in qualsiasi momento si metta in gioco un titolo come “Lo Squalo”, sarebbe impossibile non canticchiare il motivo iconico che ha accompagnato il film sin dalle origini, venendo ancora oggi recuperato in tutte quelle situazioni in cui è la paura per un pericolo imminente a farla da padrona.
Sappiamo anche che quello stesso motivo lo state immaginando e ricostruendo nella vostra mente proprio in questo istante, il che spiega quanto si sia fatto strada nella storia del cinema e abbia segnato spettatori e spettatrici di ogni epoca.
Il successo de “Lo Squalo”, però, è tanto grande probabilmente anche per i sequel che ne sono stati fatti dopo la versione di Spielberg del 1975. Tra questi “Lo squalo 4 – La vendetta”, un film del 1987, diretto da Joseph Sargent.
La storia, in questo caso, è ambientata alle Bahamas, dove lo squalo ritorna per compiere la sua “vendetta”, uccidendo il resto della famiglia dello sceriffo Martin Brody.
Nel corso dello scontro finale, alcuni personaggi raggiungono la barca di Ellen Brody (vedova di Martin) in aeroplano, così da soccorrere la donna dall’attacco dell’animale. Quest’ultimo riesce in prima battuta a distruggere il mezzo, ma poco dopo viene sconfitto.
Farà piacere a chi di voi è appassionato di immersioni, venire a conoscenza del fatto che quello stesso aeroplano, affondato a largo della barriera di Nari-Nari (Nassau), non è mai stato rimosso, e oggi viene frequentemente visitato da sub professionisti e non. Correte a riscoprirlo!

 

WHITE CAY (LITTLE EXUMA ISLAND) 
Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma” (2006) è il secondo film della saga inaugurata da “La maledizione della prima Luna”.
Protagonisti sono ancora i personaggi interpretati da Johnny Depp, Orlando Bloom, Keira Knightley e Bill Nighy, che si vedono coinvolti in un’altra folle avventura in cui a farla da padrona sono ancora una serie di rocamboleschi combattimenti fra pirati. Tra questi, uno dei più avvincenti è quello che ha luogo su Isla Cruces, dove Jack Sparrow (Johnny Depp), Will Turner (Orlando Bloom) e James Norrington (Jack Davenport) si scontrano per entrare in possesso del leggendario forziere fantasma che dà il titolo alla pellicola.
Le riprese di questo travolgente duello furono effettuate a White Cay, nota anche come Sandy Cay, una spiaggia di sabbia bianchissima a poca distanza dall’isola di Little Exuma.
Aggiungete questa meta al vostro itinerario alle Bahamas per regalarvi un po’ di relax e per tornare sui passi dei pirati più famosi del cinema!

 

NEW PROVIDENCE ISLAND & CASTAWAY CAY 
20.000 leghe sotto i mari” è un film del 1954 diretto da Richard Fleischer per Walt Disney Pictures e adattato dall’omonimo romanzo pubblicato da Jules Verne nel 1870.
La pellicola, che vinse l’Oscar per la Migliore Direzione Artistica e per i Migliori Effetti Speciali, racconta della spedizione del naturalista Pierre Aronnax che, insieme al suo fedele assistente Consiglio, s’imbarca su un motoveliero per indagare su una serie di misteriosi affondamenti di navi.
I primi mesi di viaggio in mare sono piuttosto infruttuosi, finché i due, accompagnati dal fiociniere Ned Land, non scoprono che la causa della sparizione delle imbarcazioni è il Nautilus, un sottomarino comandato dal capitano Nemo, che ha come scopo quello di ostacolare le potenze mondiali distruggendone le navi.
Una tra le sequenze più suggestive del film – quella in cui Aronnax assiste a un funerale subacqueo poco dopo essersi introdotto nella pancia del Nautilus – pare proprio sia stata girata nelle nostre amate Bahamas, e con precisione nei dintorni dell’isola di New Providence.
Come per “Lo Squalo 4 – La vendetta”, anche in questo caso gli amanti di immersioni troveranno pane per i propri denti: a Castaway Cay, un’isola privata di proprietà della Walt Disney Company, si trova infatti il relitto di un sottomarino in passato utilizzato come attrazione per “20.000 leghe sotto i mari” nel parco di Disney World, in Florida.
Preparate la maschera da sub e il boccaglio, altre due destinazioni vi aspettano!

 

TONGUE OF THE OCEAN (NASSAU, NEW PROVIDENCE ISLAND)
Speed ​​2: Cruise Control” (1997) è un thriller d’azione che vede come protagonisti, fra gli altri, Sandra Bullock e Willem Dafoe. Si tratta del sequel di “Speed”, uscito nel 1994, e racconta delle peripezie di Annie e Alex, una coppia che il malvagio Geiger ha deciso di annientare organizzando un piano per far sì che la loro nave da crociera si schianti contro una petroliera.
Il film conta numerose scene spettacolari, ma tra le più coinvolgenti ci sono sicuramente quelle girate sott’acqua, a sud di Nassau.
Con precisione, la località scelta per le riprese sottomarine fu Tongue of the Ocean, perfetta per l’occasione grazie alle sue acque limpidissime (pensate che il regista dovette addirittura chiedere ai subacquei di cospargere manualmente dei sedimenti artificiali in mare pur di rendere le immagini più realistiche).
Non vi viene già voglia di tuffarvi da quelle parti?